Il tuo browser non supporta JavaScript!

Ma Gesù risorto era uno zombi?

Ma Gesù risorto era uno zombi? Ma Gesù risorto era uno zombi?

Siamo in tempo di Pasqua e c'è sempre qualcuno che tira fuori l'idea che Gesù Cristo non fosse altro che uno zombi. Ora la risposta potrebbe sembrare banale: «No, Gesù Cristo non era affatto uno zombi». Anzi, per certi versi era proprio l'anti-zombi: Gesù è il Risorto, l'uomo vivo per antonomasia.

Però, in effetti, nelle Scritture e poi nella storia della Chiesa ci sono parecchi santi zombi. Tutto sommato lo stesso Lazzaro risponde un po' all'immaginario della mummia e addirittura durante la morte di Gesù, il Vangelo racconta che c'è stata una sorta di alba dei santi zombi. Leggiamo nel vangelo secondo Matteo (27,50-53)

Gesù di nuovo gridò a gran voce ed emise lo spirito. Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo, la terra tremò, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi, che erano morti, risuscitarono. Uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti.

In effetti la commistione tra immaginario horror e storia della Chiesa è impressionante.

Perché tutte queste contraddizioni? Si può approfondire la questione grazie al saggio Zombi, strane storie di santi di Arnaldo Casali.


Zombi, strane storie di santi

di Arnaldo Casali

editore: Graphe.it

pagine: 89

La storia del cristianesimo è talmente piena di morti viventi e corpi mutilati da far concorrenza a qualsiasi film dell’orrore. Eppure…

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento