Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Appunti sulla poetica di Gino Scartaghiande

Appunti sulla poetica di Gino Scartaghiande Appunti sulla poetica di Gino Scartaghiande
Appunti sulla poetica di Gino Scartaghiande

Vi sono versi che ustionano, altri che zampillano verso il cielo, altri ancora che sembrano mutare forma e sostanza sotto il nostro stesso sguardo. Una forza rigeneratrice, senza tempo, che trascorre in un moto circolare destinato sempre a unire e mai a dividere. Acque fonde e memorabili che senza mai arrestarsi (e come mai potrebbero?) salgono da un punto lontano, bagnano tutte le sponde, tutti i confini, azzerando in un istante ogni lontananza temporale. Ogni ingannevole sbarramento.

Una circolarità ampia quella che vive nei versi di Gino Scartaghiande (di cui la Graphe.it edizioni ha appena ripubblicato la celebre e celebrata raccolta Sonetti d’amore per King Kong nella collana Le mancuspie curata da Antonio Bux), dove le parole, chiare o scure, carezzevoli o dirompenti, ferine o delicate diventano subito ponti tra le mille rive, strumenti visionari che, solo risuonando nell’aria, fanno scattare porte e chiavistelli o, ancora, se preferite, anemoni di mare pronti ora a urticare mani e cuore, ora a investirli di una luce ferma. Di una verità dolentemente screziata. Un dolore lacerato. Un grido violento la cui eco ricade come una pioggia di fuoco sulla realtà di cui diventa specchio. Aderenza. Visione.

Eccoci allora dentro la vita. Nelle segrete dell’anima sempre in attesa. Sempre nuda. Sempre più sola. La voce del poeta diventa così dialogo vivo con il cuore. La Storia. Il destino del singolo e dell’oceanica moltitudine. Un flauto di bambù più forte del tempo e della morte stessa. Un canto eterno che dalle sponde dell’antica Grecia soffia ancora e ancora sulle nostre sparute rive.

 


 

L'autore: Giorgio Podestà
Giorgio Podestà Giorgio Podestà, nato in Emilia, si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il Premio Strega Ferdinando Camon). Appassionato di letteratura italiana, inglese e americana del secolo scorso, ha sempre scritto poesie, annotandole su quadernini che conserva gelosamente. Con Graphe.it ha pubblicato la raccolta poetica «E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo» e il saggio «Breve storia dei capelli rossi».

Guarda tutti gli articoli scritti da Giorgio Podestà

Sonetti d'amore per King-Kong

di Gino Scartaghiande

editore: Graphe.it

pagine: 112

Un poema d’amore e di morte, di distacco e di riavvicinamento, dove la grazia e l’abbandono si plasmano vicendevolmente

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.