Il tuo browser non supporta JavaScript!

La dimensione del quotidiano

La dimensione del quotidiano
autori: Carlos Mesters
formato: Libro
prezzo:
€ 8,00
vai alla scheda »

Graphe.it edizioni presenta La dimensione del quotidiano. Breve commento ai salmi del pellegrino di Carlos Mesters, una moderna chiave di lettura dei Salmi del pellegrino.

I salmi del pellegrino formano una serie di quindici salmi nel salterio (dal salmo 120 al 134). Sono salmi brevi. Il popolo li pregava nei pellegrinaggi, salendo verso il Tempio di Gerusalemme. Per questo erano detti anche cantici delle ascensioni. Dicevano: «Venite, saliamo sul monte del Signore» (Is 2,3); «Su, saliamo a Sion, andiamo dal Signore, nostro Dio» (Ger 31,6). Erano chiamati anche canti graduali o canti dei gradini, probabilmente a motivo della larga e maestosa scalinata di quindici gradini che dava accesso al Tempio di Gerusalemme. Da qui, forse, il perché la serie conta esattamente quindici salmi.

I pellegrinaggi a Gerusalemme si facevano tre volte l’anno, nelle tre grandi feste: la festa degli Azzimi o Pasqua, la festa del Raccolto o Pentecoste e le feste delle Tende o dei Tabernacoli (cfr Es 23, 14.17). Arrivavano a piedi dai luoghi più remoti della Palestina.

Il libro dei salmi fu completato nel IV o III secolo a.C. Difficile stabilire una data precisa. La serie dei salmi del pellegrino esisteva già prima del libro dei salmi e venne inserita nel libro stesso. I quindici componimenti sono di epoche e luoghi diversi. Alcuni, forse, di prima dell’esilio, all’epoca dei Re. La maggioranza, tuttavia, fu composta dopo l’esilio, verso il V o IV secolo a.C.

Nonostante siano brevi i salmi del pellegrino nascondono una grande ricchezza. Sono un esempio concreto di come in quel tempo il popolo pregava e si metteva in contatto con Dio.  Questi quindici salmi aiutavano il popolo a riconoscere le tracce di Dio nei fatti della vita dal momento che trasformavano tutto in preghiera, anche le cose più comuni della vita di ogni giorno. In maniera molto semplice, rivelano la dimensione del quotidiano.

Carlos Mesters – chiamato Filippo dell’America Latina (cfr At 8, 26-40) e Guigo dei nostri giorni (Guigo è stato un monaco certosino del XII secolo considerato il teorizzatore della lectio divina) – nasce in Olanda nel 1931. Nel 1949 si trasferisce in Brasile e nel 1952 emette la professione religiosa nell’ordine carmelitano. Si specializza presso l’Istituto Biblico di Roma e l’École Biblique di Gerusalemme. Dopo un periodo di insegnamento accademico della Scrittura decide di dedicarsi alla diffusione della lettura della Bibbia fra i poveri.

Dal 1973 al 2001 lavora alacremente nelle Comunità Ecclesiali di Base in Brasile, aiutando il popolo nella lettura e nella comprensione della Parola di Dio. Nel 1979 fonda il Centro de Estudos Bíblicos (CEBI).

Nel settembre del 2001 viene eletto consigliere generale dell’ordine carmelitano, incarico che ricopre fino al 2007, quando torna in Brasile per continuare il suo lavoro a servizio della Parola di Dio.

I suoi libri sulla Bibbia sono tradotti in molte lingue.

 

Graphe.it edizioni

Nata nell’estate 2005, la Graphe.it edizioni è il coronamento di un desiderio tanto profondo da poter essere catalogato come “sogno” e, come casa editrice, pur nella sua ridottissima dimensione, desidera coltivare i “sogni” nella vita di ogni giorno convinti che, come sosteneva A. Schopenhauer, la vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare. La Graphe.it edizioni si propone di dare voce a scrittori, esordienti o meno, che abbiano qualcosa da dire in “maniera nuova” e che, forse, non trovano ascolto… Opera in una dimensione che potremo definire “artigianale” – una decina di libri l’anno – che consente di instaurare rapporti umani prima ancora che professionali.



Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.