Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Il Ponte Arcobaleno: scopri la vera storia dietro la leggenda che commuove milioni di persone

Il Ponte Arcobaleno: scopri la vera storia dietro la leggenda che commuove milioni di persone Il Ponte Arcobaleno: scopri la vera storia dietro la leggenda che commuove milioni di persone
Il Ponte Arcobaleno: scopri la vera storia dietro la leggenda che commuove milioni di persone

Quella del Ponte Arcobaleno è un storia che ha offerto conforto a innumerevoli proprietari di animali in lutto, evocando immagini di una riunione celestiale con i propri amici a quattro zampe. Tradizionalmente qui in Italia la leggenda viene attribuita genericamente ai nativi americani. Ma le cose stanno proprio così? Chi è il vero autore o la vera autrice di queste parole tanto consolatorie? La storia del testo è tanto affascinante, quanto il suo contenuto.

L'origine del Ponte Arcobaleno: una storia nata dal dolore

Il poema è attribuito a Edna Clyne-Rekhy, donna scozzese che scrisse queste toccanti parole nel 1959, all'età di diciannove anni, in seguito alla morte del suo amato Labrador, Major. Fu sua madre a suggerirle di mettere per iscritto i suoi sentimenti come un modo per affrontare il dolore. Ciò che nacque da quell’atto di scrittura spontanea divenne una delle più noti elegie per animali della storia.

Edna, nel descrivere la genesi del poema, racconta di come le parole fluissero naturalmente, quasi stesse parlando direttamente a Major. Il poema descrive un luogo idilliaco, “appena al di là del cielo”, dove gli animali ritrovano la loro salute e giocano felici, in attesa del giorno in cui si riuniranno ai loro amati proprietari per attraversare insieme il Ponte Arcobaleno, mai più separati. Questa visione consolatoria ha trovato risonanza in molti, grazie anche alla sua ambiguità teologica che permette a persone di differenti fedi e convinzioni di trovare conforto in essa.

Edna Clyne-Rekhy: la vera autrice dietro la leggenda

Nonostante l'impatto globale del poema, l'identità di Edna è rimasta sconosciuta per molti anni. La storia del Ponte Arcobaleno iniziò a circolare tra amici e conoscenti senza il suo nome, fino a quando nel 1994 apparve su Dear Abby – celebre rubrica di consigli pubblicata su vari giornali statunitensi per decenni, iniziata da Pauline Phillips sotto lo pseudonimo di Abigail Van Buren –, amplificandone ulteriormente la notorietà. La rubrica chiese aiuto ai lettori per identificare l'autore, portando a quindici rivendicazioni di paternità diverse, nessuna delle quali risultò però essere quella vera.

Il mistero proseguì fino a quando l'autore e storico Paul Koudounaris decise di scoprire la verità. Tra le varie piste esplorate, solo una portava a una certa Edna Clyde in Scozia, un nome che alla fine risultò essere quasi esatto.

Dopo un lungo lavoro investigativo, Koudounaris riuscì a rintracciare Edna Clyne-Rekhy, che aveva vissuto tra l'India e la Spagna prima di tornare in Scozia. Edna rimase sorpresa nell'apprendere quanto le sue parole avessero toccato il cuore di milioni di persone. Finalmente, grazie a Koudounaris, il mondo poté conoscere l'autrice dietro il poema che aveva portato conforto a così tante persone.

Un ponte tra mondi: il significato del Ponte Arcobaleno

Il successo del Ponte Arcobaleno risiede nella sua capacità di parlare al cuore di chi ha amato e poi perso un animale non umano. Descrivendo un luogo di eterna felicità e attesa, il poema riesce a offrire una visione di speranza e amore eterno. Edna, pur non avendo mai voluto  pubblicare ufficialmente il suo lavoro, ha creato un'eredità che continua a consolare e a connettere le persone attraverso la comune esperienza del lutto per i propri animali.

Il Ponte Arcobaleno non solo ha varcato i confini geografici, ma anche quelli culturali e religiosi. Sebbene diverse religioni ritengano che gli animali non abbiano un'anima e quindi non possano andare in cielo, il poema di Edna fornisce una narrativa alternativa che permette ai credenti di immaginare una riunione spirituale con i loro animali.

La menzione del ponte richiama anche il Bifröst della mitologia norrena, un ponte arcobaleno che collega la Terra al regno degli dèi, aggiungendo ulteriori strati di significato e risonanza culturale.

L'eredità di Edna: un messaggio di speranza e amore eterno

La storia del "Ponte Arcobaleno" è una testimonianza del potere che ha la scrittura di toccare le vite delle persone, offrendo conforto e speranza nei momenti di dolore. Edna Clyne-Rekhy, con la sua semplice ma potente poesia, ha creato un legame indissolubile tra i proprietari di animali di tutto il mondo, dimostrando che l'amore e il ricordo dei nostri amici animali possono trascendere tempo e spazio.

 

Via | The Order of the Good Death

Foto | frenta via Depositphotos

 


Il dolore negato

Affrontare il lutto per la morte di un animale domestico

di Pier Luigi Gallucci

editore: Graphe.it

pagine: 42

Molto spesso il dolore per la morte del proprio animale sembra socialmente negato e vissuto nella totale incomprensione.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.