Il tuo browser non supporta JavaScript!

Breve storia della letteratura gialla, di Eleonora Carta

Ti piacciono i gialli?

Leggi libri che raccontato di crimini e della loro risoluzione?

Sei fan del giallo storico o di quello deduttivo?

O è il poliziesco che ti attira?

Come lettore – e talvolta anche come editore – confesso di provare un po’ di confusione dinanzi ai vari filoni del genere giallo. Alla fine quel che cerco + una buona storia e le varie classificazioni potrebbero essere d’intralcio.

Mi rendo conto, però, che è bene conoscere tutti questi aspetti e perciò ho chiesto a Eleonora Carta, giallista a sua volta, di scrivere un testo per la nostra collana Parva che pubblica testi di saggistica in pillole.

È nata, così, la Breve storia della letteratura gialla.

Breve storia della letteratura gialla

Eleonora Carta affronta vari argomenti in questo libro e vorrei attirare la tua attenzione su tre di essi in particolare.

In Breve storia della letteratura gialla puoi trovare:

  1. Un’analisi precisa e puntuale della storia della letteratura gialla a partire dagli inizi con Edgar Allan Poe fino ai giorni nostri, senza tralasciare le scrittrici e gli autori italiani
  2. Una contestualizzazione del genere giallo all’interno del mondo dei libri con uno sguardo alle problematiche che lo riguardano.
  3. Le appendici in cui troviamo un glossario per capire meglio i vari filoni, ma anche consigli di lettura e alcuni festival italiani che dovresti conoscere.

Con Breve storia della letteratura gialla Eleonora Carta ci offre uno strumento smart per poter leggere con più gusto i libri di questo genere. Perché, come diceva Brecht, «Il romanzo giallo è un’abitudine intellettuale».


Breve storia della letteratura gialla

di Eleonora Carta

editore: Graphe.it

pagine: 64

Più di molte altre narrazioni, il giallo è catartico.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verra' pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.