Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Breve storia di delitti in libreria

Breve storia di delitti in libreria
Titolo Breve storia di delitti in libreria
Autore
Argomento Saggistica Letteratura e Critica
Collana Parva [saggistica breve], 38
Editore Graphe.it
Formato
libro Libro: brossura
Dimensioni 12x21
Pagine 60
Pubblicazione 03/2024
ISBN 9788893722186
 

Abstract

Librerie come scene del crimine: un avvincente viaggio tra libri e misteri, con storie affascinanti di delitti che si svolgono tra gli scaffali. Un must per ogni fan dei bibliomysteries che ama l'intrigo e desidera scoprire il lato “oscuro” del mondo dei libri.
9,50
 
Spedito in 1/2 giorni

Avete mai letto, nelle pagine di cronaca nera, di qualcuno che sia stato ucciso in una libreria? È cosa quantomeno molto rara. Nel noir di tutte le epoche e nazioni, invece, accade talora che bibliomani, cacciatori di libri, librai ed editori finiscano coinvolti in omicidi più e meno efferati, e non sempre risolti. 

Pur se in tirature di nicchia, le storie di questo tipo sono sufficientemente numerose da essersi guadagnate addirittura una, ormai celebre, definizione: bibliomysteries.

Da Gustave Flaubert a Hans Tuzzi, le sale nelle quali un avido lettore si inoltra per cercare vicende immaginarie di delitti sono talvolta esse stesse immaginarie, e al loro interno si consumano crimini due volte letterari. Ed ecco, un libro che ne parla, triplicandone la dimensione.

Massimo Gatta, a sua volta bibliografo erudito, costringe deliziosamente il lettore a concentrarsi per non confondere il reale con la fantasia, distinguere i luoghi di carta da quelli che hanno un vero indirizzo, e separare i personaggi dai loro creatori. Il gioco riesce così bene che perfino la prefazione è a firma di un celebre personaggio bidimensionale di gialli, primo dirigente della Questura di Milano, il quale di questo saggio ha scritto che «è, a ben vedere, una scorribanda tanto dotta quanto ammiccante fra delitti, librerie e biblioteche bidimensionali per investigatori bidimensionali».

Premessa di Norberto Melis

Contiene un poster con indizi fondamentali per la lettura
 

 

Biografia dell'autore

Massimo Gatta

Massimo Gatta

Massimo Gatta (Napoli, 1959) è bibliotecario dell’Università degli Studi del Molise. Studioso di editoria del Novecento, tipografia privata, bibliografia, grafica aziendale, storia della carta, storia della libreria, storia della bibliofilia e di aspetti paratestuali del libro. Nell’ambito di tali settori ha organizzato diverse mostre bibliografiche.

Ha collaborato al supplemento domenicale de «Il Sole 24 Ore». Da venti anni collabora al periodico «Charta», oltre che a «La Bibliofilia», «Bibliologia. An International Journal of Bibliography, Library Science, History of Typography and the Book», «Paratesto. Rivista internazionale», «ALAI. Rivista di cultura del libro», «PreText», «Fogli. Rivista dell’Associazione Biblioteca Salita dei Frati di Lugano», «la Biblioteca di via Senato», «Utz», «Percorsi», «ImPressioni», «Colophon», «L’Esopo», «Wuz», «Cartevive», «Il Domenicale», «Leggere:Tutti», «MenSa. Culture e piaceri della tavola», «Contributi biblioteconomici». Fa parte del comitato di redazione di «ALAI. Rivista di cultura del libro», organo dell’Associazione Librai Antiquari d’Italia e della Collana “Piccola Biblioteca Umanistica”, edita da Olschki e del comitato scientifico de «la Biblioteca di Via Senato». È direttore editoriale della casa editrice Biblohaus di Macerata, specializzata in bibliografia e bibliofilia. Per l’editore Palladino di Campobasso ha diretto la Collana “DAT - Documenti d’Arte Tipografica”.

È autore di circa cinquecento pubblicazioni, tra le ultime: L’Aldo degli scrittori. La figura e l’opera di Aldo Manuzio nell’immaginario narrativo (secoli XVI-XXI), (Biblohaus, 2018), Metallibri. Latta, ferraglia & bulloni nell’editoria futurista (Biblohaus, 2018), Segnalibro (Babbomorto editore 2018) e Librai, librerie et amicorum. Appunti per una bibliografia (Biblohaus, 2018), Come e perché mantenere in perfetto disordine i propri libri (FuocoFuochino, 2019).

Rassegna stampa per Breve storia di delitti in libreria

Silvia Stucchi recensisce il saggio di Massimo Gatta.
Segnalazione del saggio di Massimo Gatta.
Florinda Fiamma parla del libro di Massimo Gatta nel corso del programma su Radio Tre (dal minuto 27:25)
Valerio Calzolaio recensisce il saggio di Massimo Gatta
Recensione del saggio di Massimo Gatta
Livio Partiti intervista Massimo Gatta
Nicoletta Sipos segnala il saggio di Massimo Gatta tra i libri consigliati della rivista Chi.
Tra le letture consigliate dalla rivista c'è anche il saggio di Massimo Gatta.
Recensione del saggio di Massimo Gatta
Daniele Biacchessi intervista Massimo Gatta all'interno del suo progamma “Il timone” (dal minuto 50:20)
Valerio Calzolaio recensisce il saggio di Massimo Gatta.
Iaia Barzani intervista Massimo Gatta.
Segnalazione del saggio di Massimo Gatta.
Tra i migliori libri della settimana consigliati da Francesca Battistella c'è il saggio di Massimo Gatta.
Recensione del saggio di Massimo Gatta
Recensione del saggio di Massimo Gatta.
Chiara Ricci scrive del saggio di Massimo Gatta e intervista l'autore.
Recensione del saggio di Massimo Gatta.
Recensione del saggio di Massimo Gatta
Antonio Pagliuso scrive del saggio di Massimo Gatta.
Massimo Gatta approfondisce alcuni aspetti dei bibliomysteries.
Piero Melati approfondisce il saggio di Massimo Gatta
Ira Rubini intervista Massimo Gatta.
Cristiana Minelli scrive del saggio di Massimo Gatta
Nicola Santini scrive del libro di Massimo Gatta.

News e approfondimenti che parlano di: Breve storia di delitti in libreria

Le novità editoriali di marzo 2024 di Graphe.it Edizioni esplorano il tema del binomio assenza-presenza. Una raccolta di racconti e un saggio breve per riflettere e intrattenere.

Eventi collegati a Breve storia di delitti in libreria

Mondadori Vasto Bookstore, il 11.05.2024 alle ore 18.00, via Circonvallazione Histoniense 3, 66054 Vasto (Ch)

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.