Il tuo browser non supporta JavaScript!

Erano lacrime mie

Erano lacrime mie
titolo Erano lacrime mie
sottotitolo (Talvolta posso cogliere un verso)
autore
prefazione
argomento Narrativa Poesia
collana Calligraphia [poesia], 18
editore Graphe.it
formato Libro
pagine 70
pubblicazione 05/2018
ISBN 9788893720458
incipit Incipit PDF
Copertina HD Copertina HD
Scrivi un commento per questo prodotto
 

Abstract

E ancora e sempre sono sospeso tra disastri e desideri.
10,00
 
Spedito in 1/2 giorni

Disponibile anche nel formato

L’irruzione di un verso nel mio cuore e sulle dita che scrivono su un qualunque foglio di carta, il primo che trovo, talvolta anche uno scontrino che ho in tasca, è per me sempre un mistero, come mistero sono le cose più importanti della vita: la nascita, l’amore, l’amicizia, la morte, Dio.

E anzi, forse la poesia mette per iscritto questo mistero non per darne una definizione, ma per aprirvi uno squarcio che permetta di vedere attraverso le cose la realtà vera.

Così può capitare di pensare che piova mentre ci si accorge di stare piangendo. È, a me pare, l’esperienza cantata da Fernando Pessoa:

Fingere è proprio del poeta.
Lui finge in una maniera così completa
fino a fingere che si tratti del dolore
il dolore che lui sente veramente.

Le poesie contenute in questo libro abbracciano una produzione decennale, una cernita, un distillato che ne raccoglie le più suggestive, quelle che sono sgorgate da un cuore che ora le offre ad altri cuori perché, come recita un graffito di Ivan Tresoldi: «Poeta sei tu che leggi».

Dalla prefazione di Enzo Bianchi

Erano lacrime mie titola questa raccolta… Lacrime di tribolazione, ma anche lacrime capaci di donare un’iridescenza allo sguardo che rende la visione più trasparente e luminosa, fino a desiderare che la nostra vita sia «all’altezza delle lacrime», di questo rinnovato battesimo, di questo sguardo penetrante, dolente e compassionevole su persone e cose.

La fede silenziosa, discreta, caparbiamente cercata, nella vita, negli altri, nel Signore è il legame profondo di tutta la raccolta: «… La tua potatura, Signore» (20). Fede che si dilata, tende e approda all’amore: «Ti amo ancora…» (18). Fede che diventa vita, vita che diventa fede: «Zitto tu. E continua a spalare carbone. /… C’è bisogno di te, fuochista, anche se non sali mai sul ponte» (37). Vita che diventa sapienza, abbandono al mistero: «Viene Inverno e viene Primavera. / Ma senza Inverno Primavera non verrà» (42), «sopportare», «trasfondersi» (58).

La raccolta si conclude con «Desiderio esaudito (in forma di haiku)»: gocce di pura luce e speranza per tutti. Ripongo sul tavolo Erano lacrime mie di Marco Statzu, altre letture di questo libro mi attendono, in altre notti...

Le poesie di Marco Statzu raggiungono, nel «communicantes in unum», l’arte vera, il dono autentico, che non viene meno: gli siamo veramente grati!

 

Biografia dell'autore

Marco Statzu

Nato nel 1979, ultimo di quattro fratelli, è prete della diocesi di Ales Terralba dal 2004. Dopo aver conseguito il Dottorato in Sacra Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana è docente incaricato (Teologia Dogmatica, Antropologia Teologica ed Escatologia) presso la Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna e collabora con alcune parrocchie della sua diocesi. Ha trascorso un anno nel Monastero di Bose, approfondendo il suo rapporto con Dio e con l’uomo e con il creato. Di sé dice: «Scrivo poesie, cerco Dio tra gli uomini e l’umanità in Dio. Tento di vivere in un eremo che si fa casa accogliente per chi cammina e fatica. Coltivo un orto e la mia anima».

Ha pubblicato Terralba dal Medioevo ai giorni nostri. Storia, tradizioni e persone (Selas, Terralba 1998), Mistica dell’Incarnazione. Per una conoscenza affettiva di Dio (Glossa, Milano) e Tra disastri e desideri (Fara, Rimini) entrambi nel 2010.

Cura il blog maioba 2.0.

Foto | Film the life

Rassegna stampa per Erano lacrime mie

L'Unione Sarda scrive del libro di don Marco Statzu

News e approfondimenti che parlano di: Erano lacrime mie

Marco Statzu, autore della silloge poetica Erano lacrime mie, ci parla della forza del linguaggio poetico. Guarda il video e scopri cosa ha da dirci.
Guarda il video di presentazione del libro Erano lacrime mie di Marco Statzu e scopri il contenuto di questa silloge poetica che ha la prefazione di Enzo Bianchi.
Guarda il video in cui don Marco Statzu ci parla del significato delle lacrime che danno il titolo alla sua raccolta di poesie pubblicata con la Graphe.it edizioni.
Arrivano in libreria due novità della Graphe.it edizioni: Il dolore negato di Pier Luigi Gallucci ed Erano lacrime mie di Marco Statzu.

Eventi collegati a Erano lacrime mie

Comunità La Collina, il 11.10.2018 alle ore 19.30, Località S'Otta, Serdiana
Giardino del Museo Diocesano Arborense, il 27.06.2018 alle ore 19.00, Piazza Duomo, Oristano

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.