Il tuo browser non supporta JavaScript!

Intervista a Marco Belli, autore di Storia di A.

Intervista a Marco Belli, autore di Storia di A. Intervista a Marco Belli, autore di Storia di A.

Arriva una mosca in libreria. E non perché per caso si sia infilata da una porta o una finestra e vaghi per i libri. No! È proprio protagonista di una storia tutta sua. Storia di A., infatti, è un racconto magnificamente scritto da Marco Belli che segue le vicende di una mosca parigina che ha avuto una vita da far invidia. Il testo è impreziosito dagli acquarelli di Camilla Lunghi e da una postilla di Antonio Castronuovo.

 

Insomma, Marco, perché scegliere una mosca come protagonista del tuo testo?
Perché una mosca ha accesso a una miriade di ambienti spesso inaccessibili e soprattutto ha la possibilità di osservare persone e situazioni senza essere vista. La mosca vive pericolosamente la propria vita rischiando quotidianamente di essere schiacciata, elettrizzata o avvelenata, ma, come ci ricorda il grande Luciano di Samosata, rispetto ad altri colleghi volanti come la vespa, la cavalletta o il pipistrello, sa volteggiare in aria “con grande naturalezza, per ogni verso desideri”. Insomma una vita libera e spericolata come quella di Vasco Rossi.

 

… e perché proprio Parigi?
Perché Parigi è la città dove tanti scrittori, filosofi e musicisti che amo hanno abitato. Città della flânerie e del tempo svagato: se vagabondiamo con lo sguardo su una mappa della capitale francese ci imbattiamo in una toponomastica costellata da vie, come Rue de l’Odéon nel Quartiere Latino, che sembrano evocare e sintetizzare in un luogo stili di pensiero ed esperienze artistiche.

 

Come è avvenuta la scelta dei personaggi che A. incontra?
Quasi tutti sono personaggi della storia della letteratura e dell'arte che sento vicini, ma che A. ha incontrato ovviamente per caso.

 

Nel testo si parla dei patafisici: chi sono?
A. durante il suo volo tra le strade di Parigi ha a che fare con i patafisici o figure vicine a loro. Chi sono? Sono i membri del Collège de ‘pataphysique, fondato nel 1948 cui hanno aderito scrittori, pittori, cineasti, critici, matematici... La patafisica è la «scienza delle soluzioni immaginarie» secondo la definizione datane dal suo inventore, Alfred Jarry, in Gestes et opinions du docteur Faustroll, pataphysicien fondata sul principio dell’equivalenza universale e della conversione dei contrari, e intesa allo studio delle «leggi che regolano le eccezioni».

 

Infine, come è stato collaborare con un'artista – Camilla Lunghi – per le illustrazioni del libro?
Quando ho immaginato Storia di A. ho pensato che i disegni degli intellettuali che conoscerà la mosca durante il suo volo esistenziale fossero indispensabili per renderlo convincente. Sono abituato alla contaminazione, ho partecipato a numerosi progetti dove si incontravano più linguaggi espressivi. Così ho chiamato l'artista elbana Camilla Lunghi che ha accettato con entusiasmo la mia proposta di collaborazione e la sua scelta di utilizzare l’acquarello per illustrare il racconto mi ha convinto fin da subito.


Storia di A.

di Marco Belli

editore: Graphe.it

pagine: 48

Protagonista di questa storia è «una mosca vagans soave e sperduta come l’animula adrianea. Un racconto leggerissimo, ricco di scene spedite e brillanti, come se la realtà fosse frantumata dai suoi multipli ocelli» (Antonio Castronuovo)

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento