Il tuo browser non supporta JavaScript!

Per vivere con poesia. Il nuovo libro di Mario Quintana

Per vivere con poesia. Il nuovo libro di Mario Quintana Per vivere con poesia. Il nuovo libro di Mario Quintana
Per vivere con poesia
autori: Mario Quintana
formato: Libro
prezzo:
€ 10,00
vai alla scheda »

Per vivere con poesia è una raccolta di pensieri, aforismi e brevi poesie del poeta brasiliano Mario Quintana selezionate, nella versione originale, da Márcio Vassallo. È la seconda opera di questo autore pubblicata in Italia e tradotta, come la precedente, dal poeta e docente universitario Natale Fioretto.

Una grande qualità di Quintana è quella di affrontare  tematiche importanti e profonde con leggerezza ed immediatezza senza essere mai né banale né scontato. In questa raccolta si incontrano pensieri che riguardano molte delle cose dietro le quali innumerevoli altri hanno cercato il senso profondo dell’esistenza:  Dio e la religione (che, secondo l’autore, hanno ben poche cose in comune), il rapporto dell'uomo con il tempo e con gli oggetti che ci fanno percepire il suo trascorrere inesorabile e crudele, come le fotografie, gli orologi e gli specchi.

L’infanzia, con i suoi giochi, i suoi sogni e le sue fantasticherie, diventa una faccenda molto seria e fondamentale, mentre la morte viene osservata da una prospettiva irriverente nonché  privata delle sue connotazioni terribili e spaventose perché, dopotutto, è solo una 'mancanza di concetto'.

Non viene risparmiata neanche la poesia stessa,  che viene ironicamente scomposta davanti agli occhi del lettore nei suoi aspetti semantici, artistici ed addirittura tecnici.

Tutte queste tematiche sono presentate al lettore attraverso gli occhi di un poeta che è riuscito a mantenere intatto, per tutto il corso della sua lunga vita, uno dei doni più preziosi, che possa essere concesso ad un artista: vedere il mondo attraverso gli occhi e con lo spirito di un bambino.

Ed è proprio questa qualità che consente a Mario Quintana far sorridere senza essere frivolo, di stimolare la riflessione senza essere sentenzioso e di insegnare senza essere pedante.

Non è possibile però omettere, in questa sede, la diffidenza nei confronti degli elogi e degli omaggi che il poeta esprime proprio in questa opera così come non si può non precisare, alla fine di una recensione della medesima, che Quintana sostiene che “la poesia non si dà a chi la definisce” quindi, l'unica cosa che resta da fare è leggerla.

Claudio Gurgone


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento