Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libreria Sacro Cuore di Iglesias: una storia lontana nel tempo

Libreria Sacro Cuore di Iglesias: una storia lontana nel tempo Libreria Sacro Cuore di Iglesias: una storia lontana nel tempo
Libreria Sacro Cuore di Iglesias: una storia lontana nel tempo

Di questi tempi, entrare in una libreria che è sorta nel 1947 non è cosa da poco e dimostra la determinazione di chi le ha dato vita, di chi ci ha lavorato, di chi ci lavora attualmente, nonché la fedeltà dei clienti!

Stiamo parlando della storica Cartolibreria Sacro Cuore, che ha sede in via San Marcello a Iglesias e che sorse per volontà del Centro Diocesano della Gioventù Cattolica. Nel 1961 furono le Piccole Missionarie a rilevarla: pensate che la gestirono per ben 50 anni.

È affascinante entrarvi ripercorrendone la storia insieme alla coppia che ha voluto proseguire l’attività di chi tanto l’ha amata in passato. Stiamo parlando di Giorgia e Giampaolo, che oggi intervistiamo per voi.

Intervista a Giorgia e Giampaolo della libreria Sacro Cuore di Iglesias


Libreria Sacro Cuore Iglesias
Giorgia e 
Giampaolo, innanzitutto una curiosità: che cosa vi ha spinto a proseguire la magia della storica libreria Lux, diventata nel tempo Libreria Sacro Cuore?

Gestire una libreria, dove unire l’occasione della lettura e della scoperta di un libro al piacere dell’incontro, è un segreto inconfessato che custodivamo da tempo. Poi si è manifestata questa possibilità, l’abbiamo carezzata, corteggiata e infine concretizzata, peraltro in un momento difficile come negli anni della pandemia. Avevamo la percezione che qualcosa di importante stesse per chiudersi e così, per l’affetto per quei luoghi, per la nostra comunità, per il desiderio di costruire un’esperienza di lavoro che fosse davvero nostra, abbiamo concentrato le nostre forze e attenzioni su questo progetto, provando a costruire un qualcosa di nuovo che continuasse nel solco di una storia lontana nel tempo: guardando le attività commerciali in città, la nostra insegna è certamente una delle più longeve di Iglesias e conserva il ricordo di generazioni che hanno frequentato questa libreria.

Affascinante proprio il fatto che tante generazioni hanno varcato la porta della vostra libreria, e sebbene la grande distribuzione dia filo da torcere a tanti vostri colleghi, voi coraggiosamente regalate atmosfere da amico libraio che consiglia, accoglie, ospita i clienti offrendo loro non solo libri ma anche articoli religiosi, cancelleria, gioielli preziosi come i rosari, addirittura statuette per il presepe e tanto altro. Qual è il vostro cliente “tipo”?

Il nostro cliente tipo è il vicino della porta accanto che entra in negozio per unire al conforto della fede una statua, un libro, un rosario o anche solo un’immaginetta. Spesso, si è alla ricerca di qualcosa da regalare a un amico o un parente che sta affrontando un periodo difficile. Il poter aiutare qualcuno con un piccolo consiglio o semplicemente con una parola ci rende felici e sempre più consapevoli e determinati della nostra scelta. Vengono a visitarci anche bambini, a volte accompagnati dai genitori o nonni per l’acquisto di un libro, oppure da soli per un quaderno o una penna, ma bisogna riconoscere che in questo settore la grande distribuzione ha avuto la meglio e il servizio della cartoleria è diventato più che altro di emergenza, quando in famiglia sono terminate le scorte fatte a inizio anno nei supermercati o negli store online.

Giorgia Defraia, una laurea in scienze politiche, la passione per l’arte e la cultura alle quali da sempre ti dedichi: c'è un libro che ti ha cambiato la vita o che ti è rimasto dentro? 

Potrei citarne diversi che mi sono rimasti nel cuore. Io adoro gli autori sudamericani e il mondo che descrivono, ma sicuramente Piccole donne, classico di Louisa May Alcott fatto di buoni sentimenti e vita familiare, è quello che mi è rimasto più di tutti nel cuore. Letto più volte, mi ha accompagnato dall’infanzia fino alla fine dell’adolescenza. Ho ancora il libro con la dedica di mia madre che me lo regalò da bambina.

Una domanda un po' più specifica ad entrambi: il primo libro letto da bambini e l'ultimo letto da adulti.

Giampaolo: Bella domanda… io ho sempre avuto una predilezione per la saggistica, da bambino leggevo libri di storia e animali, ma se devo scegliere un libro – anche se forse non sarà stato il primo in assoluto – ricordo un testo su Leonardo da Vinci che trovai a casa di mia nonna e che lessi dalla sera all’indomani mattina. L’ultimo? Ce l’ho qui a fianco: I segreti di Istanbul di Corrado Augias. Chissà se un giorno vedrò dal vero l’antica Costantinopoli. Intanto viaggio grazie alla lettura.

Giorgia: Da bambina adoravo le fiabe e devo dire che mi piacciono tuttora forse perché in fondo rimango una sognatrice. Il primo libro che ricordo di aver letto è Le fiabe di Andersen, anche quello rigorosamente conservato. L’ultimo è Tre parabole per il cammino della vita di Antonio Esu, un autore locale, edito dalla Tau.

La libreria Sacro Cuore è una delle “librerie amiche” della Graphe.it e il vostro stand dedicato alla casa editrice è stato ospite alla Fiera del Libro di Iglesias 2023: oggi è difficile essere gli intermediari tra gli editori e i lettori?

Prima di tutto, grazie ad Argonautilus e quanti lavorano ogni anno per organizzare eventi come la Fiera del Libro di Iglesias: questi appuntamenti sono come una festa, dove si incontrano persone nuove, si presentano libri come amici, nascono relazioni, e soprattutto lo si fa con quella libertà che ti fa sentire davvero un ponte tra il lettore e l’editore. Tanto più con editori coraggiosi e appassionati come Graphe.it di cui siamo onorati nell’essere considerati “libreria amica”, valorizzando la prossimità alle persone, vedendo in queste dei lettori curiosi, non semplici e anonimi clienti cui vendere un prodotto preso a caso dallo scaffale. Certamente, è difficile e faticoso cercare di essere intermediari così facendo, ma è questa la bellezza di un lavoro come il nostro e le gratificazioni poi non mancano, per l’editore, per la libreria, per il lettore!

Per finire: che cosa vi hanno insegnato le Piccole Missionarie, che tanto hanno amato questo luogo a cui hanno dedicato una vita intera?

Le Piccole Missionarie hanno vissuto quest’attività come fosse una famiglia, un luogo certamente dove poter acquistare quanto si cercava, ma dove trovare comunque un consiglio, la possibilità di trattenersi per un conforto, ascoltare col sorriso: una testimonianza di servizio offerta nel corso di tanti anni e che io (Giorgia) ho vissuto con particolare intensità nel tirocinio durato quasi un anno (l’anno delle chiusure per il Covid!) a stretto contatto con Maria e Cenza. Anche noi abbiamo conosciuto la Cartolibreria Sacro Cuore da bambini, molte persone che ora incontriamo hanno lo stesso ricordo, magari sono entrate la prima volta per acquistare il libretto del catechismo, una matita o il quaderno che serviva la mattina a scuola. È un ricordo che rimane per sempre, che ci fa capire quanto le Piccole Missionarie abbiano amato questo luogo, ma anche quanto il sentimento sia stato ricambiato. Cerchiamo di camminare sulla stessa strada, sperando di lasciare nei bambini che ancora oggi vengono in libreria lo stesso bel ricordo che noi continuiamo a custodire! E sperando di vederli crescere con noi, lettori affezionati!

Grazie per la bella intervista in grado di ampliare l'idea che abbiamo di una libreria: contenitore di storie per eccellenza, ma anche custode di storie personali che val la pena di conoscere.

Libreria Sacro Cuore Iglesias

Fotografie

  1. L'ingresso della Cartolibreria Sacro Cuore a Iglesias
  2. Giorgia e Giampaolo (ultimi due a destra) con Susanna e Lino della Graphe.it alla Fiera del libro di Iglesias 2023
  3. L'interno della libreria

L'autore: Susanna Trossero
Susanna Trossero Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi

Guarda tutti gli articoli scritti da Susanna Trossero

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.