Il tuo browser non supporta JavaScript!

La promozione dei diritti umani: l\'esperienza di Amnesty International

Dove

via Giulio Rocco, 37/39 Roma

Quando

mercoledì 9 maggio 2012
dalle 18.00 alle 19.30
Il professor Antonio Marchesi e Roberto Fantini oggi a Roma parlano della promozione dei diritti umani e dell\'esperienza di Amnesty International.

L\'incontro avviene nel contesto della presentazione del libro Il cielo dentro di noi. Conversazioni sui Diritti Umani (sul mondo che c\'è e su quello che verrà) scritto da Roberto Fantini e pubblicato dalla Graphe.it edizioni.

Antonio Marchesi è professore associato di diritto internazionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo, insegna anche nella Facoltà di Filosofia dell’Università di Roma La Sapienza. È stato presidente della sezione italiana di Amnesty International ed è ora membro del comitato direttivo nazionale. Ha collaborato a lungo anche con il Segretariato internazionale e con diverse altre organizzazioni internazionali non-governative e intergovernative (fra cui il Consiglio di Europa e la Commissione Europea). Tra i suoi libri: Obblighi di condotta e obblighi di risultato. Contributo allo studio degli obblighi internazionali (Giuffré, 2003), La pena di morte. Una questione di principio (Laterza, 2004), La protezione internazionale dei diritti umani. Nazioni Unite e organizzazioni regionali (FrancoAngeli, 2011).

L\'appuntamento con le amiche e gli amici di Roma è presso Le Storie Libreria Bistrot in via Giulio Rocco, 37/39 alle ore 18.

Ricordiamo che il libro di Roberto Fantini è disponibile sia in cartaceo che in eBook e che i diritti di autore saranno devoluti alla sezione italiana di Amnesty International.

Il cielo dentro di noi
Conversazioni sui Diritti Umani (sul mondo che c'è e su quello che verrà)
Roberto Fantini
I Diritti Umani possono rappresentare il centro della nostra esistenza e diventare il fulcro creativo della nostra storia presente e futura solo se noi lo vogliamo e lo vorremo veramente, ben al di là delle belle quanto irritanti formulette politico-mediatiche.


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.